Ragazza difficile... e situazione peggio ancora (ma divertente)!

12345 ... LastLast
Results 1 to 10 of 55
  1. Ragazza difficile... e situazione peggio ancora (ma divertente)!

    Ok, dopo che ieri Satira ha "cazziato" i vari lurkatori ed essere uscito allo scoperto... eccomi qua a postare!

    Sono in una situazione un po' strana. Sono in una LTR, ma diciamo che mi guardo attorno. Lo scorso anno ho avuto una storia di due mesi molto intensa, che mi ha lasciato un po' con le ossa rotte ma che mi ha confermato molte delle teorie che leggo qui (e che all'epoca non conoscevo... diciamo che in buona parte le avevo applicate inconsapevolmente, stupendomi del successo ottenuto così velocemente... salvo poi commettere alcuni errori madornali DOPO aver conquistato e f-closato più volte la "preda", per cui ora è tutto finito). Ma questa è acqua passata...

    Adesso c'è una ragazza che conosco da dieci anni. Mai considerata particolarmente, perchè lei è molto più giovane di me e all'epoca era proprio una bimba (ancora minorenne...) ma mi ha sempre attirato moltissimo. Ci si incrociava per strada, si scambiava qualche battuta, e ho sempre capito che lei mi "temeva" un po'. Sì, perchè io sono piuttosto estroverso, anche un po' sfacciato, e non le ho mai risparmiato la battutina a doppio senso, anche un po' pesante. Poi lei mi ha sempre visto come "attivo predatore", e mi ha sempre bollato come "mandrillo" cinico e amorale. Lei è una ragazza che per me è molto carina, ma lei si considera bruttina, è timidissima nonostante cerchi di compensare con una finta aggressività, e in generale non si apprezza per nulla. Ha avuto il cuore spezzato quando era giovanissima, e da allora si è imposta di non innamorarsi più (riuscendoci... e sono passati quasi 8 anni). Ha proprio una paura micidiale del coinvolgimento sentimentale.

    Tre anni fa per puro caso abbiamo cominciato a scriverci via mail, poi su Facebook. Ogni tanto ci si incontrava in giro, e si facevano due chiacchiere, ma niente di più: giravamo in compagnie differenti. In pubblico giusto "Ciao, come va?", mentre invece ogni tanto via mail partivano racconti molto più "intimi"... insomma ci si apriva molto facilmente.

    Quando ho avuto la mia storia intensa e dannata lo scorso anno, lei mi è rimasta molto vicina. Per qualche strano motivo le raccontavo tutto: gli incontri passionali (nei minimi dettagli), i momenti di delusione, gli stati d'animo. Mi ha confessato di essersi sentita eccitata dai racconti di cosa facevo con questa ragazza a letto, che a lei nessuno fa mai quelle cose, e soprattutto si è emozionata dalla passionalità così bruciante di quella mia storia. Ha scoperto quindi che, al di là del mio discutibile codice di condotta, sono una persona sensibile e capace di sentimenti molto forti e trascinanti... e ha ammesso che non se lo sarebbe mai aspettato. Mi credeva un "mandrillo", ma è rimasta colpita dal mio carattere.

    E niente... dopo che ho lasciato la ragazza di quella storia perchè ormai non la sopportavo più, ho continuato a sentirmi via mail e telefono con la mia "confidente". Sempre di più, giorno dopo giorno. Lei non passava giorno senza farsi sentire. Discorsi alternativamente seri o scherzosi: qualche volta le sparavo le mie solite porcate e doppi sensi che da sempre le avevo rivolto, qualche volta invece si parlava di sentimenti e psicologie maschili/femminili. Scopro che lei non ama il suo ragazzo e che nemmeno lui le dice mai di amarla. Scopro che lei, detto esplicitamente, mi vuole bene da anni e che le faccio un effetto strano: mi ha detto che mai nessuno l'ha messa in imbarazzo così tanto anche solo con lo sguardo. Roba che lei quando mi incrociava per strada si sentiva diventare rossa e doveva abbassare gli occhi (e un po' me ne ero accorto...). Mi ha detto che mi trova complesso, profondo, tormentato. In un paio di occasioni le ho detto cose tenere, e l'ho fatta piangere di emozione. Mi ha confessato che anche a distanza le ho fatto provare emozioni che era da anni che non provava, con i miei racconti e le mie parole.

    Io stesso mi ci stavo affezionando, un po' troppo forse. Che sia una bella ragazza l'ho sempre pensato (non è oggettivamente bellissima... ma ha un qualcosa di magnetico, di innocente ed eccitante allo stesso tempo), ma stava cominciando a piacermi anche come persona.

    Ci siamo incontrati una sera per un concerto, dopo mesi di contatto solo via mail (l'ultima volta che l'avevo incrociata per strada di persona erano quattro mesi prima). Alla fine della serata le strappo la promessa di andare una volta a cena a 4: io e un mio amico, lei e la sua collega.

    Passano i giorni, e non si riesce a organizzare nulla perchè il mio amico è un pacconaro assurdo. Al che le dico: "Senti, visto che ormai siamo così tanto in confidenza, possiamo tranquillamente andare a cena anche solo noi due". Lei dice che le piacerebbe, ma che ha il ragazzo (anche se non lo ama), che io sono in una LTR da anni e quindi non dovrei nemmeno farle certe proposte, e soprattutto che si sentirebbe spaventosamente in imbarazzo a stare da sola di fronte a me seduti a un tavolo. Specialmente perchè lei sa benissimo che io ci proverei con lei.

    Insisto un po', ma nemmeno troppo, e si riesce a uscire a cena solo noi due. All'inizio è rigidissima, impacciata, arrossisce ogni due secondi. Appena seduta al tavolo lei esordisce con un "Non mi guardare le tette!" e io la freddo con un "Tette? Quali tette?" (anche se ha una bella quarta... ). Poi si scioglie, si chiacchiera tantissimo. Io cerco di metterla a suo agio, e ci riesco. Ogni tanto la gelo con qualche maliziosità inaspettata, ma ormai ci ha fatto l'abitudine. Cocky & Funny, come direste qui sul forum, ma anche molto dolce. Non mollo l'eye contact nemmeno per un attimo. Passa il solito venditore di rose, e lo gelo con un "Ma perchè dovrei prendere una rosa per mia sorella?". Approccio malizioso, le faccio capire che mi piace, ma non needy. E comincio a giocare con la sua mano, a darle pizzicotti quando mi lancia qualche battuta un po' sarcastica (ha un senso dell'umorismo molto tagliente, questa ragazza), insomma stabilisco un po' di kino. All'inizio lei si blocca, poi mi lascia fare e sta al gioco.
    Andiamo a fare due passi... di fronte alle vetrine un paio di volte la abbraccio intorno alle spalle o alla vita.
    Poi, visto il freddo porco, ci chiudiamo in un pub. Ancora più rilassata di prima, insiste addirittura per offrirmi da bere (e la lascio fare... così "investe" un po' su di me). Sempre molto eye contact, sempre molto contatto con le sue mani, le sue spalle, e in un paio di occasioni persino con le sue guance e il suo naso, sfiorati come se dessi un buffetto a una bimba capricciosa.
    Lei intanto mi confessa che nonostante i suoi rifiuti, sapeva dentro di sè, fin dal primo giorno in cui glie l'avevo proposto, che prima o poi avrebbe ceduto e sarebbe uscita con me una sera. Che se ne sentiva un po' in colpa, ma pace...

    La riaccompagno alla macchina, e ci diamo un abbraccio intenso... non solo amichevole. Le accarezzo i capelli, la bacio sulla fronte, le accarezzo il collo... e poi faccio per baciarla. Niente, si irrigidisce e mi guarda con occhioni da cerbiatta: "Ti prego... non rovinare tutto, non complicarmi come mi sento dentro". Ok, quella che qua sul forum si chiama DAZ: mi fa tutto un pippozzo moralista sul fatto che siamo entrambi impegnati, che già si sente zoccola a essere uscita con me, che le piaccio ma che fra di noi non ci potrà mai essere niente, ecc. ecc.

    Il mattino dopo mi scrive, dicendomi che mi ha sognato tutta la notte e che appena sveglia già mi pensava. Dicendomi che aveva avuto la conferma che non ero come mi credeva una volta, e che l'ho fatta sentire veramente a suo agio e non in imbarazzo come temeva. Che sono dolcissimo, e che il mio sguardo, le mie parole e le mie mani le avevano fatto sussultare il cuore. E poi, laconica, conclude la mail con un "E adesso cosa devo fare?".

    Al che ho cercato di confortarla un po'... perchè mi sembrava impanicata. E' chiaro che le piaccio. E' chiaro che ho smosso qualcosa. Ma ha una paura maledetta di innamorarsi, specialmente di uno come me. Mi ha detto che se fossimo entrambi liberi, uscirebbe subito con me e verrebbe pure a letto senza alcun problema, ma che lei si sente male al pensiero di tradire la fiducia del suo ragazzo (che non ama!!!!!) e peggio ancora di fare con me cose che potrebbero compromettere la mia LTR (anche se le ho detto che quello non la deve riguardare, che è solo un "problema" mio). Sensi di colpa, paura diffusa: non si aspettava una cosa del genere, e ha detto che già era stata fin troppo debole ad accettare di uscire una volta in maniera innocente con me. Che non doveva darmi corda, che tanto per noi non ci sarà mai nessun futuro.
    E che le viene voglia di scappare e non farsi più sentire da me, perchè non può permettersi di sentire che il suo cuore congelato da anni forse potrebbe cominciare a dare segni di scongelamento... per una persona come me e con la situazione in cui siamo entrambi.

    Tre giorni dopo, mi dice che vorrebbe rivedermi (prevedibile).

    Ci incontriamo un pomeriggio, e io continuo a comportarmi con lei esattamente come nell'uscita serale. Molto contatto fisico, sguardo "perforante" (ho gli occhi chiari... mi viene facile). Questa volta, però, si è preparata le difese. Si irrigidisce, prova a mostrarsi gelida. Scansa i tentativi di bacio, ma mi resta abbracciata. La vedo con due anime che lottano: le emozioni che la tentano, e la razionalità che invece le impone di restare rigida e non darmi (darsi?) alcuna chance di cedere. Io, imperturbabile, la tratto da Signore... e continuo la mia opera.

    Rimaniamo in contatto telefonico/via mail (lei fra l'altro fa orari assurdi quindi vedersi fisicamente è difficile), e si alternano le giornate scherzose a quelle in cui torniamo sull'argomento. Lei mi confessa che prima dell'uscita pomeridiana lei si sentiva quasi per certo che si sarebbe lasciata baciare... e che non capisce dove abbia trovato all'ultimo tutta quella forza interiore per resistermi. Cazzo, dovevo essere più deciso!

    Cerchiamo di combinare un'altra uscita serale per andare a cena+film, ma la sento titubante... Una sera le pongo un ultimatum. La tratto male, le dico che lei non vuole nemmeno provare a vivere. Che è una ragazza insicura, che piuttosto che rischiare di soffrire resta nel suo piattume emotivo, e che così facendo non si gode la vita. Lei mi conferma tutto: che preferisce la mediocrità e la mancanza di emozioni, rispetto al pensare di cacciarsi in una situazione complicata e che potenzialmente la farebbe soffire. Io la sento che freme, che quando la tocco o la guardo le vengono i brividi (e un paio di volte me l'ha confessato pure lei)... ma incredibilmente riesce a far vincere sempre il suo lato razionale, a convincersi che non deve lasciarsi andare. E' un po' un mix di tante cose: paura di amare qualcuno, paura di mandare a rotoli la sua pigra stabilità interiore, paura di soffrire, tanta vergogna. Oltretutto, per sua stessa ammissione, è una ragazza molto lunatica.
    Le pongo un ultimatum, quindi: le dico che se vuole scappare come ha sempre minacciato di fare nel caso si fosse sentita troppo coionvolta, allora lo deve fare del tutto. Che smetta di cercarmi tutti i giorni così assiduamente, e sia coerente. Oppure che si decida una volta per tutte a lasciarsi andare. Lei mi risponde che non mi vorrebbe comunque perdere... che mi vuole bene, che i momenti in cui ci sentiamo durante il giorno la aiutano a darle calore ed emozione. Io, impassibile, le chiedo di scegliere. Lei sceglie di scappare, e lo fa lasciandomi una mail che, devo ammetterlo, mi ha toccato profondamente. Una mail in cui mi fa capire quello che prova per me, in cui mi conferma che se entrambi fossimo in una situazione diversa sarei la prima persona che vorrebbe al suo fianco, che ci starà male come un cane a non potermi più sentire/scrivere, e che quando ci incroceremo per strada anche fra diversi mesi mi basterà guardarla per capire quante emozioni ancora lei provi per me ogni volta che mi vede. Nonostante questo, ha accettato il mio ultimatum, per il bene mio e soprattutto per il suo. Le ho risposto maluccio... accusandola di vigliacchieria e di aver scelto la strada più comoda... ma non necessariamente quella più piacevole per entrambi.

    Non ci siamo sentiti per qualche giorno, poi (siamo amici su Facebook e ci si commenta spesso in maniera scherzosa i post pubblici) siamo tornati in contatto. Combiniamo quella famosa uscita pizza+cinema. E subito capisco che qualcosa non va. Muro, gelo totale. Accetta di uscire con me, ma arriva con una corazza spessissima. Gelida, glaciale, cerca di sfuggire allo sguardo e al contatto fisico. Rigidissima, quasi terrorizzata. A fine serata, faccio il gelido anche io e le dò semplicemente un bacetto sulla guancia dicendole "ti voglio bene". E poi me ne vado alla macchina senza voltarmi.

    Il giorno dopo le mando un SMS, in cui le dico che se ha deciso di comportarsi così allora può anche evitare di continuare ad accettare di uscire con me. Lei mi risponde "Vedi? Lo vedi come sono fatta? Ti fai solo un favore se capisci quanto posso essere sgradevole. Hai dovuto provarlo con mano?".

    Lei più volte, prima ancora che cominciassimo a uscire insieme, mi aveva detto di non ritenersi meritevole dell'amore di qualcuno, di non concepire che qualcuno potesse provare una forte attrazione per lei. Non si apprezza, non si stima, anzi non perde occasione per buttarsi giù e per denigrare le sue qualità. Una volta mi ha detto: "Scegliere di amare me è come prendere un mazzo di fiori e decidere di buttarlo nel cesso". Ulteriore riprova di questo è che con lei i NEG sono assolutamente deleteri... si offende a morte, e va in depressione per due giorni (sperimentato personalmente). Oggettivamente sarebbe un 6,5-7... ma lei si vede come un 5. Per i miei gusti è veramente incantevole, invece. Ma impossibile farglielo capire, o riuscire a "darle valore".

    Siamo quindi un po' in una situazione di stallo: ormai ogni tentativo sembra rafforzarle la corazza. Sembra quasi che si sia impuntata sul fatto di "non dover cedere", che se ne sia fatta una ragione di principio, e che allora tiri su questa commedia della freddezza per convincermi (e autoconvincersi, per crogiolarsi in quello che sembra essere il suo hobby preferito: l'autocompatimento) di non meritare le mie attenzioni. Oppure che non si fidi ancora abbastanza di me, visto che sa quanto io sia discontinuo e "tacchinatore impenitente". Il problema è che a lei voglio veramente molto bene: non è solo attrazione fisica, e lo sa. Difficile però farle capire che ci tengo a lei e farle venire fiducia nei miei confronti... il lupo perde il pelo ma non il vizio (e non ha tutti i torti, visto che comunque ho altre storie per le mani... ma se lei cedesse sono sincero a dire che sarebbe l'unica oltre alla mia LTR).


    Consigli? Suggerimenti? In questi giorni non mi sto facendo sentire, ma venerdì pomeriggio pensavo di farle una sorpresa e farmi trovare davanti al suo ufficio quando esce dal lavoro, e portarla a un aperitivo. Credo che continuare a spiazzarla, a fare cose che non si aspetta, a farla sentire apprezzata e coccolata, a darle emozioni sia la strada migliore. Credo che abbia bisogno di un uomo molto "alpha" che si comporta come se i suoi blocchi mentali non esistessero proprio, come se non lo riguardassero. Uno che va avanti e continua a sedurla indipendentemente dalle sue ritrosie. Uno che se lei fa i capricci la prende di peso e la guida. Oppure rischio l'effetto contrario, di farla irrigidire ancora di più?

    E' vero che in questi casi si raccomanda di freezare per bene la tipa e lasciarla rodere per un po' senza farsi sentire. Secondo me questa potrebbe essere l'eccezione: io credo che 3-4 giorni di silenzio le facciano bene. Ho però il sospetto che lasciarla cuocere nel suo brodo per settimane o mesi sia solo improduttivo: la sua autostima è talmente bassa, che lo interpreterebbe solo come "Ecco, lo sapevo che non era poi così interessato a me... non lo è mai stato nessuno, perchè non mi merito un uomo che mi corteggi assiduamente o che impazzisca per me" (ha già fatto di questi discorsi in passato...). Le piaccio, è attratta. Lo so io, se ne è resa conto anche lei. Ora deve solo capire quanto mi vuole, o meglio devo farglielo capire io.

    Comunque mi ci sto divertendo in questa situazione... al di là del fatto che questa ragazza mi piaccia veramente molto (ripeto... le voglio veramente molto bene, vorrei proprio sbloccarla e portare un po' di felicità ed emozione nella sua vita), è una sfida per me stesso.



  2. Piccolo aggiornamento... Ci siamo sentiti ieri.

    Ragazza ancora più tosta del previsto... Mi ha fatto capire che vedermi la mette in crisi, che si irrigidisce perchè lei è una ragazza fedele (anche se non ama il suo tipo, lo rispetta) e le mie avances molto espansive la mandano in confusione. Lei è abitudinaria, e non accetta di mettersi in discussione. Se io ci provo, lei sente il dovere morale di irrigidirsi per non darmi chance (e per non lasciarsi tentare lei stessa). Ha una paura dannata dei cambiamenti, non vuole complicazioni emotive nella sua vita: è contenta e tranquilla del normale piattume. Per lei è più rassicurante stare con un ragazzo che non ama ma che le garantisce sicurezza e stabilità.

    Ma esistono veramente le ragazze così tanto fedeli?

    E come sbloccarle, se i classici metodi di stabilire contatto fisico e tensione sessuale sortiscono l'effetto opposto perchè lei li considera come una "mancanza di rispetto" della sua stoica decisione di non tradire?

    Adesso pensavo di puntare sul comfort: continuare a sentirla e a vederla, ma in maniera molto rilassata. Lei sa di piacermi, e quindi devo farle "abbassare le difese". Deve vedermi presente per non dimenticarmi, ma deve vedermi non dico disinteressato... però per lo meno con l'atteggiamento "quando vuoi io ci sono... ma nel frattempo io mi faccio un po' di altre storie". Deve apprezzarmi, ma credere che io voglia rispettare la sua scelta di restare in un bozzolo. Poi, quando sarà rilassata e le sue difese saranno abbassate... si tornerà a colpire.

    Corretto?

  3. #3

    Quote Originally Posted by Dave Gahan View Post
    Ma esistono veramente le ragazze così tanto fedeli?
    No

    Più che altro esistono ragazze che razionalizzano la fedeltà e quindi si auto impongono di esserlo. E' una specie di presa di posizione inutile. Il gioco sta nel non farle entrare in questo frame, ma se ce le butti dentro è faticoso tirarle fuori.

    Quando mi è capitato ho smesso di insistere e le ho portate all'unica soluzione che per loro era concebibile: lasciare il fidanzato per stare con me. (in realtà entrambe si sono fatte lasciare e ci hanno messo un mese facendo le stronze prima che lo sfigato le mollasse, ma questi sono problemi loro ).

    Una volta di nuovo libere non hanno più avuto impedimenti morali.

    Ora però scelgo la strada migliore e evito di farle entrare nel frame "ragazza fedele". E cioè non lascio loro il tempo di entrarci.

  4. #4

    Ciao Dave Gahan,
    pur avendo scritto un papiro mi sono quasi appassionato a leggerlo, complimenti.

    Ho riscontrato a mio parere qualche tuo errore (secondo me), non starò ad elencarli tutti.
    Comunque sto passando una storia quasi identica alla tua.

    - Hai cercato di baciarla troppo presto è normale che vada in difesa DAZ avendo entrambi una relazione.
    - Lei sta facendo la parte del PUA e non te, si sono quasi involontariamente invertiti i ruoli.
    - Assolutamente non andare a trovarla, sarebbe la cosa peggiore in questo momento e un DVI da parte tua.
    - Prendi tutta questa storia, compresa lei è filosoficamente parlando, mettila dentro un bel sacchetto Cuki gelopiù, fino a quando non sarà lei a venire nel tuo freezer per estrarlo da lì.
    - Come avrai notato inizialmente era lei quasi a provarci, perchè non ti facevi vedere "bisognoso", ed è proprio questo quello che farai ora. Esci con qualcuna, scatta due foto e mettile su FB, anche se non te lo dirà subito dentro di lei scatenerai qualcosa.
    Le donne VIVONO e vogliono vivere di Emozioni (con la E maiuscola).
    Ricorda sempre il gioco del gatto con il filo, fino a quando TU farai muovere quello spago, lei giocherà con te.
    -Altra cosa, il suo BF (boyfriend) o è un super AFC o è molto bravo a nascondere le sue scappattelle. Non credo alla favole del bravo e perfetto ragazzo. Trova i suo punti deboli, fatti confidare da lei quello che SBAGLIA lui, prendi questi errori gonfiali di aria e lanciaglieli addosso. Falle notare che poi sotto sotto questo suo "bravo" ragazzo, non fa proprio per lei.
    - NON scaricare MAI le colpe su di lei, soprattutto facendola sentire in colpa, questo è un errore molto grave, che secondo me l'ha segnata parecchio.
    -Se passati diversi giorno lei non si farà sentire (con immensi sforzi). Mandale un messaggio "Sai -nome-, forse hai ragione...noi due siamo riusciti a trasmetterci emozioni fortissime in questo breve arco di tempo, pur avendo solo parlato, con l'intensità che due persone speciali fanno...questo distacco mi è servito perchè ho capito che se fossimo andati avanti, probabilmente le nostre strade si sarebbero unite inevitabilmente. Ti dico grazie di cuore, perchè hai allontanato la mia più grande paura (balla)...l'amore verso una persona. Ti auguro il meglio ciao -nome-."

    Se mi viene in mente altro l'aggiungo qui sotto (ho una memoria pessima).
    Comunque non demoralizzarti, fagli vedere chi è il PUA...
    "Le donne apprezzano la crudeltà più di qualunque altra cosa. E amano esserne dominate." (Oscar Wilde)

    Ciao da PartyAnimal

  5. Quote Originally Posted by satira View Post
    Quando mi è capitato ho smesso di insistere e le ho portate all'unica soluzione che per loro era concebibile: lasciare il fidanzato per stare con me.
    Dio mi scampi da questa strada!

    O, meglio, non subito... non così presto!

  6. #6

    Quote Originally Posted by Dave Gahan View Post
    Dio mi scampi da questa strada!

    O, meglio, non subito... non così presto!
    ahaha ho detto che lei lascia il fidanzato per stare con me. non che io poi mi metto con lei

    e siccome io non le ho mai promesso nulla sono perfettamente coerente, la scelta di non tradire è sua, la scelta di non essere il nuovo fidanzato è mia

  7. Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    - Hai cercato di baciarla troppo presto è normale che vada in difesa DAZ avendo entrambi una relazione.
    Probabile. Diciamo che mi sono basato sul fatto che la conosco da anni, quanto bastava per il fatto che non fossi un perfetto sconosciuto. Da notare che lei è da anni che sa di piacermi, ma io non le avevo mai dato segni di volermi veramente attivare nei suoi confronti.

    Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    - Prendi tutta questa storia, compresa lei è filosoficamente parlando, mettila dentro un bel sacchetto Cuki gelopiù, fino a quando non sarà lei a venire nel tuo freezer per estrarlo da lì.
    Questo è poco ma sicuro!

    Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    - Come avrai notato inizialmente era lei quasi a provarci, perchè non ti facevi vedere "bisognoso", ed è proprio questo quello che farai ora. Esci con qualcuna, scatta due foto e mettile su FB, anche se non te lo dirà subito dentro di lei scatenerai qualcosa.
    In realtà lei non ci ha mai "provato". Era attratta, ma non si sognava minimamente di fare il primo approccio. Ha sempre detto che rispettava il fatto che io fossi impegnato, anche se una volta le è scappato un "certe sere mi addormento maledicendo il fatto di non averci provato con te anni fa, quando entrambi eravamo liberi".

    Che io esca con altre e che me le porti a letto lo sa già benissimo... Mi dice spesso che sono un porco fedifrago!


    Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    Le donne VIVONO e vogliono vivere di Emozioni (con la E maiuscola).
    Vero. Ma questa ragazza ha un problema... va in "emotional overload" e in quei casi si chiude a riccio ai primi sintomi di perdere il controllo.

    Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    -Altra cosa, il suo BF (boyfriend) o è un super AFC o è molto bravo a nascondere le sue scappattelle. Non credo alla favole del bravo e perfetto ragazzo. Trova i suo punti deboli, fatti confidare da lei quello che SBAGLIA lui, prendi questi errori gonfiali di aria e lanciaglieli addosso. Falle notare che poi sotto sotto questo suo "bravo" ragazzo, non fa proprio per lei.
    Qui in parte dissento. Il suo ragazzo è un tipo assolutamente normale: non bellissimo, onesto trombatore (anche se non si sforza minimamente di farle provare cose particolari o di farla godere... cosa che invece questa ragazza sa bene che è uno dei miei punti di forza), molto freddo e distaccato. Diciamo che si sono trovati... lei non dice mai a lui che la ama, nè lui lo dice a lei. Entrambi emotivamente bloccati, anche se si vogliono bene e si rispettano.

    Lui di difetti ne ha a bizzeffe... mi ha fatto un elenco lei: è pantofolaro, non gli piace andare in giro a vedere posti nuovi, si fa addirittura venire a prendere a casa da lei quando escono perchè altrimenti non può bere (e a lei questa cosa dà enormemente fastidio), come detto sopra non è esattamente un romanticone o un tipo passionale. Già, la cosa strana è che lei dice di aver sempre desiderato un uomo dolce e romantico... e lui non lo è per niente.

    Quindi lei si lamenta un sacco di lui quando parla con me... ma la cosa pazzesca, ed è il motivo per cui dissento dalla tua osservazione, è che se IO provo a battere il ferro su quegli stessi difetti, lei si incazza come una bestia. Mi dice che non ho il diritto di metterlo in cattiva luce, che sono fatti suoi, che non è bello fare le pulci a qualcun altro.

    Non ti dico la scena che mi ha fatto quando lei mi ha detto che lui da anni ha una "migliore amica", e che questa tipa prima che stessero insieme gli faceva i pompini (una FB, insomma). Io subito, sarcastico, le ho detto "Certo, e chi ti dice che non continui a farglieli anche adesso, mentre tu fai le nottate al lavoro?". Si è leggermente incazzata, dicendo che non avevo diritto a farmi i miei viaggi mentali.

    Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    -Se passati diversi giorno lei non si farà sentire (con immensi sforzi). Mandale un messaggio "Sai -nome-, forse hai ragione...noi due siamo riusciti a trasmetterci emozioni fortissime in questo breve arco di tempo, pur avendo solo parlato, con l'intensità che due persone speciali fanno...questo distacco mi è servito perchè ho capito che se fossimo andati avanti, probabilmente le nostre strade si sarebbero unite inevitabilmente. Ti dico grazie di cuore, perchè hai allontanato la mia più grande paura (balla)...l'amore verso una persona. Ti auguro il meglio ciao -nome-."
    Già fatto cose simili... lei mi dà del presuntuoso! E fra l'altro questa è una cosa che mi rinfaccia spesso: che sono troppo sicuro di me, che ho un'autostima troppo elevata, che mi comporto come se le cose che le donne mi dicono fossero completamente irrilevanti... e continuo ad andare imperterrito sulla mia strada.

    Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    Comunque non demoralizzarti, fagli vedere chi è il PUA...
    Oh, ma non mi demoralizzo... Dopotutto sarei impegnato pure io, e comunque ne ho altre due per le mani... Una è la tipa che ho lasciato tre mesi fa, con la quale ho ripreso a sentirmi e che sto cuocendo a fuoco molto lento (e questa storia, lunghissima, sarebbe da scrivere in un bel FR). Un'altra è una ragazza che ho conosciuto ieri dopo che ho scoperto che aveva "rubato" delle mie foto per un suo blog... mortificatissima, si è scusata e mi ha chiesto se posso farle da fotografo perchè vorrebbe un book.

  8. #8

    Bhè allora sai cosa devi fare!?
    Lasciarla perdere e basta, è pieno di donne in giro, non fissarti in una causa persa.
    Verrà lei da te, questo è sicuro...

  9. Quote Originally Posted by satira View Post
    ahaha ho detto che lei lascia il fidanzato per stare con me. non che io poi mi metto con lei

    e siccome io non le ho mai promesso nulla sono perfettamente coerente, la scelta di non tradire è sua, la scelta di non essere il nuovo fidanzato è mia
    Ok, già meglio!

    Con lei da questo punto di vista sono sempre stato molto chiaro... le ho detto che per quanto mi possa piacere, non ci sarebbe mai la possibilità di mettermi con lei. Che sono disposto a regalarle piacere, emozioni, affetto (tutte le cose che le mancano nella vita) ma che non sono disposto a darle di più.

    Il problema è che lei preferisce (dice di preferire...) la stabilità alle tempeste emotive, che non può pensare di andare a letto o anche solo di baciare un uomo che sa a priori che non sarà mai "al 100% suo".

  10. Quote Originally Posted by PartyAnimal View Post
    Bhè allora sai cosa devi fare!?
    Lasciarla perdere e basta, è pieno di donne in giro, non fissarti in una causa persa.
    Verrà lei da te, questo è sicuro...
    No, ma per carità... Lungi da me andare in monomania... Però non mi piacciono le sfide non vinte. Per me la parola "impossibile" non esiste. Tutte le ragazze che ho voluto veramente, prima o poi hanno ceduto. Tutte. Magari ci hanno messo mesi o anni, ma poi hanno capitolato. Quelle che non hanno ceduto, è stato semplicemente perchè ho perso interesse io per primo e non mi sono impegnato abbastanza.

12345 ... LastLast

Similar Threads

  1. La risposta piu..DIVERTENTE!
    By Dragonheart in forum Italiano
    Replies: 1
    Last Post: 08-27-2009, 12:59 AM
  2. aiuto per situazione molto difficile
    By georgeahn in forum Italiano
    Replies: 1
    Last Post: 04-18-2008, 02:53 AM
  3. Situazione Difficile!
    By Luca_and_friends in forum Italiano
    Replies: 9
    Last Post: 04-17-2008, 05:15 AM
  4. HELP situazione difficile da gestire
    By HunterHunter in forum Italiano
    Replies: 5
    Last Post: 04-14-2008, 10:43 AM
  5. Situazione difficile
    By ken shiro in forum Italiano
    Replies: 10
    Last Post: 04-05-2007, 06:23 AM

Bookmarks

Posting Permissions



Facebook  Twitter